UMANIZZARE IL CANE E’ SBAGLIATO

E’ sempre più evidente il crescente fenomeno di antropomorfizzazione dei cani. Ma chi conosce gli animali si guarda bene dal volerli umanizzare:  il cane infatti non è un bambino, né un peluche e non dovrebbe essere trattato da tale. Amarlo vuol anche rispettare la sua natura, i suoi bisogni innati e la sua dignità.

Anche se i nostri cani non sono umani, questo non significa che non siano da considerarsi come membri effettivi della famiglia, anzi. Come tali necessitano di regole e limiti: purtroppo però un numero sempre maggiore di proprietari di cani trova difficile assumere il ruolo di guida e disciplinare il proprio animale.

Quelle che per noi sono dimostrazioni di affetto possono persino creare confusione nel rapporto cane-padrone e condurre all’insorgenza di problemi fisici (come l’obesità nel caso di utilizzo indiscriminato di premi) o comportamentali (un aumento di aggressività può essere il primo campanello d’allarme di un disagio)  nei nostri amici a 4 zampe.

Il consiglio per un cane felice è di lasciare che il cane sia quello che sia e di permettergli di svolgere le attività a lui più congeniali: esplorare, annusare i suoi simili, scavare, abbaiare…

Ti è piaciuto l’articolo?

Potrebbe interessarti anche: COME SOMMINISTRARE UN FARMACO A UN CANE O UN GATTO?